Italian Print
 

IL PROGETTO OASIS

1. Introduzione

Le barriere che ostacolano un maggiore livello di indipendenza nella vita di ogni giorno degli anziani sono numerose.. La fragilità fisica e/o mentale, le barriere presenti all’interno della propria abitazione , la mancanza di strutture idonee nei servizi di trasporto, le lacune e/o la ridotta accessibilità dei servizi di comunicazione e d’informazione e i bassi livelli di reddito sono fra le principali barriere. Nel 21° secolo si possono individuare due chiare tendenze : una è rappresentata dal rapido sviluppo delle tecnologie informatiche e della comunicazione (ICT) che hanno avuto un impatto notevole in tutte le aree della nostra vita, l’ altra tendenza ha a che fare con l’ invecchiamento della popolazione, problema questo che ha richiamato l’attenzione dei Governi, dell’ industria e del mondo economico tutto. Le gravi conseguenze dell’ invecchiamento della popolazione costituiscono una sfida enorme ma al tempo stesso rappresentano una notevole opportunità per le tecnologie ICT. Un esempio tipico è Internet che ha facilitato e stimolato l’ aggregazione e l’ integrazione sociale delle persone.

2. Scopi e obbiettivi principali del Progetto OASIS

OASIS intende sviluppare un’ architettura di riferimento aperta, innovativa e basata su ontologie e servizi semantici, atta a consentire l’ interconnessione facile e immediata di servizi - sia già esistenti che nuovi – intesi a supportare gli anziani nel condurre una vita il più possibile indipendente e autonoma e a migliorare la qualità della loro vita. Sia l’ architettura di riferimento che i relativi strumenti verranno resi disponibili come software “open source”.

Campi di applicazione traguardati da OASIS

Figure1: Campi di applicazione traguardati da OASIS

La facilità d’uso e l’accettabilità da parte degli utenti rappresentano la massima priorità del Progetto e per questo motivo esso utilizzerà un approccio progettuale centrato sull’ utilizzatore (“User-centred design”).

L’ approccio innovativo di OASIS renderà possibile e facile l’ interoperabilità , la connettività e la condivisione dei contenuti fra differenti servizi e ontologie in tutte le applicazioni relative agli anziani e non solo ad esse. Già in questa fase 12 nuovi servizi saranno connessi alla piattaforma OASIS; essi saranno rispondenti ai bisogni e alle aspettative degli anziani in termini di supporto a una vita indipendente ( I suggerimenti per la dieta, L’ Istruttore ginnico, Gli esercizi per la mente e l’ apprendimento continuo, le Relazioni sociali e lo svago, Il monitoraggio della propria salute, Il controllo ambientale) e in termini di autonomia nella mobilità e di un approccio intelligente e flessibile nel lavoro ( Servizi d’ informazione sui trasporti pubblici, Guida alla pianificazione degli itinerari , Servizi per la mobilità personale e Applicazioni per il prolungamento dell’ attività lavorativa in modo flessibile e intelligente).

3. Breve descrizione dei sotto-progetti

Il progetto OASIS è strutturato in 5 sotto-progetti, ciascuno dei quali ha diverse finalità.

1° Sotto-progetto (SP1): Architettura di Riferimento, Interfacce Utente, Piattaforma OASIS e relativi strumenti

Nell’ ambito di SP1, verrà sviluppata la nuova e innovativa architettura di riferimento (chiamata COF : Common Ontological Framework) idonea a integrare, mantenere e applicare varie ontologie anche eterogenee fra loro. Questa nuova architettura intende realizzare:

  • l’ interoperabilità fra i differenti servizi web relativi allo stesso o a differenti domini di applicazione,
  • la condivisione delle informazioni contestuali fra i vari servizi,
  • la connettività fra dispositivi hardware differenti, fra questi e i servizi e fra un servizio e un altro.
2° Sotto-progetto (SP2) : Applicazioni per una Vita Indipendente

Gli anziani sono tipicamente soggetti a un processo d’ indebolimento fisico e a un continuo declino delle loro capacità cognitive che spesso causano la perdita dell’ autonomia. Questo processo può essere ritardato e mitigato modificando le abitudini quotidiane, ad esempio adottando un regime alimentare controllato, mantenendosi fisicamente attivi, esercitando costantemente la propria mente e mantenendo una vasta rete di relazioni sociali. Nel 2° sotto-progetto varie applicazioni – alcune già esistenti e altre da sviluppare ex novo - saranno integrate nella nuova architettura di riferimento sviluppata nel SP1. Specificatamente i servizi che saranno sviluppati in SP2 sono:

I suggerimenti per la dieta: Verranno fornite raccomandazioni e consigli personalizzati e adattati all’ anziano in maniera tale che egli possa migliorare il proprio regime nutrizionale e abituarsi facilmente e in maniera naturale alla nuova dieta.

L’ istruttore ginnico: L’ applicazione servirà a monitorare, motivare e addestrare l’ anziano nell’ esecuzione di varie attività fisiche e sportive miranti a ridurre gli effetti del declino legati all’ invecchiamento come ad esempio l’indebolimento della muscolatura o i problemi di tipo cardiaco.

Gli esercizi per la mente e l’ apprendimento continuo: L’applicazione favorirà il mantenimento delle capacità mentali delle persone anziane attraverso vari esercizi e la simulazione di varie situazioni. Un insieme di esercizi personalizzati sarà finalizzato al mantenimento della memoria.

Le Relazioni sociali e lo svago: l’ applicazione si prefigge di costruire e allargare a vari livelli la rete di relazioni sociali dell’ anziano in modo da sconfiggere la tendenza all’isolamento tipica delle persone che vivono sole; in questo senso saranno facilitate nuove esperienze di tipo “collaborativo”.

Il monitoraggio della propria salute: lo scopo dell’ applicazione è di andare al di là del semplice monitoraggio di alcuni parametri inerenti allo stato di salute della persona anziana. La si vuole aiutare a gestire la propria salute in maniera continua durante lo svolgimento delle normali attività quotidiane e di mantenere così una condizione il più possibile ottimale della propria salute.

Il controllo dell’ ambiente: Le applicazioni domotiche permetteranno all’ anziano di vivere in maniera confortevole e rassicurante nella propria casa, accrescendo il proprio benessere e superando eventuali problemi legati alla riduzione di alcune funzionalità fisiche.

3° Sotto-progetto (SP3): Applicazioni per una mobilità autonoma e per un’ occupazione lavorativa intelligente e flessibile

Questo sotto-progetto intende creare applicazioni e servizi che spingano l’ anziano a uscire fuori dalla propria casa , garantendogli al contempo sicurezza e conforto. In questo senso saranno sviluppate nuove applicazioni e funzionalità in grado di offrire agli anziani una maggiore indipendenza e sicurezza quando viaggiano, di facilitarli quando guidano, di evitare che siano esposti a rischi e – in caso di emergenza – di rendere immediato ed efficace il loro soccorso.
Si svilupperà in particolare un nuovo sistema di navigazione che terrà conto delle peculiarità cognitive degli anziani e dei loro modelli comportamentali . Saranno sviluppati servizi appropriati per facilitare la mobilità di queste persone come la facile programmazione dei viaggi e l’ assistenza durante la guida ( navigazione, chiamate di emergenza, diagnostica remota, monitoraggio della guida, conforto nella guida).
Saranno offerti servizi che rendano il turismo accessibile all’ anziano, che gli consentano di gestire al meglio il proprio tempo libero e che al contempo arricchiscano le sue attività e i suoi impegni sociali.

Una parte dell’attività del SP3 sarà poi dedicata a favorire parecchi anziani nel loro desiderio di prolungare la loro permanenza nel mondo del lavoro; lo si farà consentendo loro di continuare a lavorare sia da casa che da qualsiasi luogo attraverso forme flessibili e intelligenti di tele-lavoro.

4° Sotto-progetto (SP4): Integrazione, siti-pilota e sperimentazione

Tutte le applicazioni sviluppate saranno verificate in 4 siti-pilota dislocati in tutta Europa (Inghilterra, Germania, Italia e in un sito combinato distribuito fra Grecia, Romania e Bulgaria). Centinaia di utilizzatori anziani, di persone che prestano loro assistenza e di altre persone coinvolte e interessate al problema dell’ invecchiamento valuteranno le soluzioni sviluppate da OASIS. Ciò permetterà di formulare un giudizio complessivo del Progetto e di ottenere utili suggerimenti per ulteriori sviluppi e per ottimizzare le varie soluzioni sia nell’ ambito del progetto stesso che in una fase successiva.

OASIS pilot sites

Figure2: OASIS pilot sites

5° Sotto-progetto (SP5): Attività orizzontali

Il sotto-progetto SP5 include tutte le attività di supporto necessarie ad assicurare un’ efficace realizzazione degli altri sotto-progetti (gestione del progetto, attività di divulgazione, marketing e facilitazione dello sfruttamento industriale e scientifico della ricerca). Vari modelli di business saranno analizzati e valutati da un punto di vista di redditività (rapporto costi-benefici).
Parte dell’ attività sarà anche rivolta alla definizione di line guida di tipo etico e al controllo che esse vengano scrupolosamente seguite durante tutto lo svolgimento del progetto e soprattutto nelle fasi che prevedono il coinvolgimento degli anziani.
Le pari opportunità fra uomini e donne saranno tenute nella dovuta considerazione sia nella composizione del team di lavoro del progetto OASIS sia nella scelta degli anziani e degli operatori che parteciperanno alla fase di sperimentazione nei siti-pilota.
Sarà promosso l’addestramento all’interno del Team di Progetto al fine di favorire lo scambio di conoscenze tecnologiche e una familiarizzazione da parte di tutti i Partners con le tematiche trattate.
Infine ampio risalto sarà dato alle attività di standardizzazione e verrà costituito un “OASIS Industrial Forum” che attraverso il sinergico contributo dei principali attori della comunità industriale avanzerà proposte per nuovi standards atti a colmare le lacune esistenti e a garantire l’ interoperabilità delle varie soluzioni di tecnologia assistiva in linea con l’approccio OASIS che verranno introdotte nel mercato; l’interoperabilità rappresenta infatti una condizione essenziale per lo sviluppo del mercato stesso.

 

 
Copyright © 2008, OASIS Project